Perché ci sentiamo come se il tempo fosse così breve quando dormiamo, anche se in realtà stavamo sdraiati nei nostri letti per ore?

C’è una parte cosciente del cervello, situata nella materia grigia; e c’è il pensiero subconscio situato nel tronco cerebrale e aree come l’ipotalamo. Quando dormiamo, la mente cosciente dove registriamo tutto andrà a dormire. Puoi documentarlo con studi di elettroencefalografia (EEG).

Quando dormi, la materia grigia del cervello (chiamata anche corteccia cerebrale) non è a conoscenza di nulla, ma dei sogni. Quindi la tua consapevolezza del tempo si ferma nel momento in cui inizi a entrare nel sonno. Quando ti svegli da una sveglia al mattino, la corteccia cerebrale si sveglia e ti registri di nuovo. Questo spiega perché sentiamo che il tempo è così breve quando dormiamo.

Questo perché la nostra coscienza si sposta dalla mente e dalla memoria ai sistemi involontari come il cuore e la respirazione.

La mente e la memoria sono dove il tempo è effettivamente percepito come reale.