Quali sono i vantaggi di smettere di caffeina?

Alcune persone traggono beneficio dalla caffeina, alcune ne sono danneggiate. Mi sembra di essere in quest’ultima categoria. Ho preso provvedimenti per disintossicarlo completamente per una migliore salute. Perché mi hai chiesto, descriverò in dettaglio i benefici, per me, di smettere di caffeina, con alcuni benefici inaspettati.

Dopo essermi asciugato, posso concentrarmi su un compito per un tempo più lungo, compresa la lettura di sezioni di testo più lunghe senza una forte tendenza ad essere distratto, a meditare più a lungo, ecc. La caffeina tende a defocalizzarmi. Dopo aver bevuto un paio di tazze, o più, di caffè gustoso e deliziosamente stimolante, la mia mente tende ad allontanarsi, senza la mia facile capacità di controllarlo.

Quando non si usa la caffeina, io dormo più profondamente e mi sveglio molto più facilmente, meglio riposato.

Quando non uso la caffeina, ho una resistenza al freddo notevolmente migliore.

Quando non utilizzo la caffeina, provo un tono emotivo di livello più elevato. Ho una tendenza notevolmente minore alla rabbia, alla frustrazione e alle emozioni correlate.

    Al di fuori della mia personale esperienza diretta potresti guardare a The Metabolic Plan di Stephen Cherniske. Dichiara che la caffeina stimola la corteccia surrenale a produrre più ormoni dello stress. Lo stress non è generalmente buono, predisponendo, tra le altre cose, le malattie cardiovascolari.

    Durante tutta la mia vita da adulto ho avuto un rapporto di amore / odio con il caffè, godendomi, ma per tutto il tempo ho visto persistentemente effetti collaterali negativi. A partire da gennaio 2010, ho deciso di asciugare completamente la caffeina per migliorare la mia salute. Ho avuto una lista di effetti negativi apparenti dell’uso di caffeina che volevo risolvere. Nel processo di disintossicazione, quegli effetti negativi si sono attenuati completamente. Inoltre, all’inizio, durante il periodo di disintossicazione (circa due settimane, suppongo), ho dormito molto. Dopo essermi disintossicato e adattato, ho scoperto che dormivo molto più profondamente e riposato e mi sono svegliato molto più facilmente. Inoltre, mi ero appena trasferito in una nuova residenza. Per risparmiare, ho scelto la stanza più economica della casa, che si è rivelata molto piena di spifferi e abbastanza fredda. Dopo la disintossicazione, ho trovato il passaggio dal letto al mattino, da completamente svestito a completamente vestito, per essere accettabile, e non scomodo e quasi doloroso, come era stato in passato. Questi erano i due immediati effetti inaspettati di smettere di bere caffeina.

    Più recentemente, sono scivolato un po ‘di volte. È quasi interamente campione di tazze da Whole Foods e Trader Joe’s. Lo faccio per una settimana o giù di lì, poi si asciuga di nuovo. Tuttavia, durante il periodo in cui sto scivolando, noto una maggiore tendenza alla rabbia in risposta a eventi relativamente piccoli, ma più tardi, quando mi asciugo, ho uno stato emotivo molto più elevato e più elevato. Questo è l’effetto inatteso meno immediato di smettere di caffeina.

    Sei libero di prendere o lasciare quello che ho detto; YMMV.

    Related of "Quali sono i vantaggi di smettere di caffeina?"

    Ottieni il vantaggio di non avere alcun vantaggio … Sì

    La caffeina è una purina metilxantina (5) che è un antagonista del recettore dell’adenosina (6) (7) e ha proprietà stimolanti lievi. Si trova comunemente in caffè, tè e cioccolato ed è quindi una sostanza ampiamente consumata. La caffeina viene metabolizzata dal sistema del citocromo P450, in particolare dagli enzimi 1A2 (8) (9), 3A4, 3A5, 3A7, 2E1, 2C8, 2C9, 1A1, 1B1 e 2D6. Dato che è uno stimolante, è generalmente percepito come una droga non sana. Tuttavia, l’evidenza indica che è una sostanza sana da consumare che può alleviare gli effetti dell’invecchiamento, aumentare la produttività in modo acuto e proteggere contro varie malattie cardiometaboliche e cognitive.

    Gli effetti fisici acuti della caffeina sono stati accuratamente studiati, ottenendo risultati positivi e coerenti. La caffeina aumenta le prestazioni fisiche come misurato dalla potenza, dalle prestazioni di esercizio aerobico e dalle prestazioni anaerobiche degli esercizi. Nei vogatori d’élite, uno studio ha rilevato una diminuzione del 2% nel tempo su un test di 2000 m, che è significativo soprattutto in considerazione della popolazione di studio ben addestrata (10). Un altro studio ha esaminato un protocollo di sprint in maschi moderatamente allenati e ha prodotto un aumento del 7-8% della potenza di picco durante gli sprint (11). Uno studio su ciclisti altamente qualificati ha prodotto un aumento del 6% delle prestazioni di sprint e del 15% di aumento del testosterone post esercizio rispetto al placebo (12). Uno studio sull’aerobica, invece che sulla produzione anaerobica o sulla potenza, ha prodotto risultati positivi, riducendo il tempo necessario per completare una prova a cronometro di 40 km in soggetti medi (13). Nel complesso, la maggior parte degli studi è orientata verso risultati positivi nella prestazione di esercizi di caffeina.

    La caffeina ha anche dimostrato di aumentare le capacità cognitive, aumentare la capacità di concentrazione, diminuire la fatica e aumentare il vigore e l’ansia. Uno studio sui tiratori scelti ha rilevato una riduzione della fatica alla fine dei test (14). Un altro studio che ha utilizzato il profilo degli stati d’animo per valutare l’artista marziale d’élite e le loro prestazioni fisiche ha rilevato una diminuzione delle scale relative alla fatica / depressione sulla POMS, nonché un aumento della scala del vigore e una diminuzione del tempo di reazione (15). Uno studio ha esaminato l’effetto della caffeina sulla memoria e ha rilevato che la caffeina ha aumentato la memoria percettiva e non ha avuto alcun effetto sulla memoria verbale (16). Oltre agli effetti sulla fatica e memoria, è stato anche dimostrato che la caffeina aumenta la velocità di elaborazione delle informazioni visive (17).

    Sono stati anche valutati gli effetti a lungo termine delle bevande contenenti caffeina e caffeina, ottenendo risultati coerenti e positivi. È stato dimostrato che la caffeina riduce il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer (18). Il meccanismo dietro questo è sconosciuto. È stato anche dimostrato che la caffeina riduce il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson (19) ed è stato postulato che questo è il risultato della lieve stimolazione della caffeina dell’attività motoria e della possibile attività dopaminergica (20). Il caffè, che contiene molta caffeina, ha dimostrato di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari attraverso meccanismi sconosciuti (21). Il caffè è stato anche associato a un ridotto rischio di morte per tutte le cause (22). Anche la caffeina non crea assuefazione e raramente forma dipendenza, con solo il 30% dei consumatori abituali di caffeina che sta effettivamente subendo un prelievo e con evidenza di sensibilizzazione agli effetti cognitivi piuttosto che alla tolleranza (23).

    (5) Nehlig, Astrid, Jean-Luc Daval e Gérard Debry. “Caffeina e sistema nervoso centrale: meccanismi d’azione, effetti biochimici, metabolici e psicostimolanti”. Brain Research Reviews 17.2 (1992): 139-70. Web. 2 ottobre 2016.

    (6) Riksen, Niels P., Barbara Franke, Petra Van Den Broek, Paul Smits e Gerard A. Rongen. “Il polimorfismo 1976CT nel gene recettore dell’adenosina A2A non influenza la risposta vasodilatatore all’adenosina negli esseri umani in vivo”. Pharmacogenetics and Genomics 17.7 (2007): 551-54. Web. 2 ottobre 2016.

    (7) Zhao, Gong, Eric Messina, Xiaobin Xu, Manuel Ochoa, Hai-Ling Sun, Kwan Leung, John Shryock, Luiz Belardinelli e Thomas H. Hintze. “La caffeina attenua la durata della vasodilatazione coronarica e i cambiamenti nell’emodinamica indotta da Regadenoson (CVT-3146), un nuovo agonista del recettore dell’adenosina A2A.” Journal of Cardiovascular Pharmacology 49.6 (2007): 369-75. Web. 2 ottobre 2016.

    (8) Brøsen, Kim. “Interazioni farmacologiche e il sistema del citocromo P450”. Farmacocinetica clinica 29.Supplemento 1 (1995): 20-25. Web. 2 ottobre 2016.

    (9) Zhou, S.-F., Z.-W. Zhou, L.-P. Yang e J.-P. Cai. “Substrati, induttori, inibitori e relazioni struttura-attività del citocromo umano P450 2C9 e implicazioni nello sviluppo di farmaci”. CMC Current Medicinal Chemistry 16.27 (2009): 3480-675. Web. 2 ottobre 2016.

    (10) Carr, Amelia J., Christopher J. Gore e Brian Dawson. “Alcalosi indotta e supplemento di caffeina: effetti su prestazioni di canottaggio di 2.000 m.” International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism 21.5 (2011): 357-64. Web. 2 ottobre 2016.

    (11) Shephard, Rj “Effetti della caffeina sulla prolungata capacità intermittente-sprint negli atleti di sport di squadra”. Yearbook of Sports Medicine 2007 (2007): 246-47. Web. 2 ottobre 2016.

    (12) Shephard, Rj “Gomma da masticare con caffeina aumenta le prestazioni dello sprint ripetuto e aumenta gli aumenti di testosterone nei ciclisti competitivi”. Yearbook of Sports Medicine 2011 (2011): 178-79. Web. 2 ottobre 2016.

    (13) Womack, Christopher J., Michael J. Saunders, Marta K. Bechtel, David J. Bolton, Michael Martin, Nicholas D. Luden, Wade Dunham e Melyssa Hancock. “Erratum to: l’influenza di un polimorfismo CYP1A2 sugli effetti erogenici della caffeina”. J Int Soc Sports Nutr Journal della International Society of Sports Nutrition 12.1 (2015): n. pag. Web. 2 ottobre 2016.

    (14) Gillingham, R., Aa Keefe, J. Keillor e P. Tikuisis. “Effetto della caffeina sulla percezione del bersaglio e sull’uso del tiro a segno.” Ergonomia 46.15 (2003): 1513-530. Web. 2 ottobre 2016.

    (15) Souissi, Makram, Salma Abedelmalek, Hamdi Chtourou, Rim Atheymen, Ahmed Hakim e Zouhair Sahnoun. “Effetti della caffeina mattutina” Ingestione sugli stati di umore, tempo di reazione semplice e prestazioni massime a breve termine sui judoisti d’élite. ” Asian Journal of Sports Medicine Asian J Sports Med 3.3 (2012): n. pag. Web. 2 ottobre 2016.

    (17) Mednick, Sara C., Denise J. Cai, Jennifer Kanady e Sean Pa Drummond. “Confrontando i benefici di caffeina, piselli e placebo sulla memoria verbale, motoria e percettiva.” Behavioral Brain Research 193.1 (2008): 79-86. Web. 2 ottobre 2016.

    (18) Smit, Hj e Pj Rogers. “Effetti di basse dosi di caffeina su prestazioni cognitive, umore e sete in consumatori di caffeina bassi e più alti”. Psychopharmacology 152.2 (2000): 167-73. Web. 2 ottobre 2016.

    (19) Eskelinen, MH e M. Kivipelto. “La caffeina come fattore protettivo nella demenza e nella malattia di Alzheimer”. J Alzheimers Dis (2010): n. pag. Stampare

    (20) Hu, Gang, Siamak Bidel, Pekka Jousilahti, Riitta Antikainen e Jaakko Tuomilehto. “Consumo di caffè e tè e il rischio di malattia di Parkinson”. Disturbi del movimento Mov Disord. 22.15 (2007): 2242-248. Web. 23 settembre 2016.

    (21) Solinas, Marcello, Sergi Ferre, Zhi-Bing You, Marzena Karcz-Kubicha, Patrizia Popoli e Steven R. Goldberg. “La caffeina induce il rilascio di dopamina e glutammato nella conchiglia del Nucleo Accumbens”. The Journal of Neuroscience 22.15 (2002): 6321-324. Stampare.

    (22) Temple, Jennifer L. “Uso della caffeina nei bambini: ciò che sappiamo, ciò che abbiamo lasciato da imparare e perché dovremmo preoccuparci”. Neuroscience & Biobehavioral Reviews 33.6 (2009): 793-806. Web. 2 ottobre 2016.

    Sono un ingegnere, sono turco e ero un tossicodipendente.

    grazie Ayhan per l’introduzione, applaudiamo Ayhan per il suo coraggio.

    Gli ingegneri di solito non si preoccupano delle cose sane.

    I turchi sono conosciuti con caffè turco e bevitori di tè (7,54 kg a persona in un anno, il secondo nella lista è il Marocco con 4 kg, l’Irlanda 3 kg in altre parole consumo di tè in Turchia> (consumo di tè in Marocco + Irlanda))

    E il tè ha la stessa quantità di caffeina per tazza di caffè.

    Ho bevuto 6 tazze di caffè turco, 2 litri di tè turco e 2 tazze di caffè in meno in un giorno. ogni giorno, per … da quando ero adolescente. A volte sarebbe più ma mai meno.

    Avevo dolori al collo e alla schiena, muscoli tesi, ma pensavo che fosse tutto così non mi importava molto. Pensavo che non influisse sul mio sonno, ogni mattina sarei assonnato mentre guidavo al lavoro, ma un caffè stava risolvendo il problema.

    Ho deciso di ridurre l’assunzione di caffeina molte volte, non ha avuto successo. Poi, ho avuto alcuni problemi di salute, il dottore ha detto che devo rinunciare alla caffeina. Era un serio problema di salute che dura di solito la vita. La caffeina non era la causa ma una delle ragioni principali della malattia.

    Ho fermato il caffè e il tè. Ad un tratto. I primi 3 giorni sono stati un disastro.

    • Mi sono svegliato la mattina. Niente tè, niente caffè. Ho fatto una tisana. Ho dormito assonnato al lavoro. Al lavoro, non potevo fare nulla. I miei occhi si chiudevano, mi giravano le vertigini, non riuscivo nemmeno a leggere una lettera e ne capivo il senso. L’ho fatto, ma ci sono voluti 30 minuti. di lotta. È un disastro, prima cercare di essere sveglio e poi concentrarsi su qualcosa.
    • Durante tutto questo tempo, il caffè e il caffè turco erano accanto a me. Ho detto di no, niente caffè.
    • La giornata si è conclusa senza caffè. Ho detto ai miei colleghi e al mio capo che stavo smettendo di caffeina, quindi ho bisogno che mi scusino se mi vedono distratto, assonnato o in realtà addormentato. (Ricordo ora, sono andato alla mia macchina durante il giorno un paio di volte per prendere 10 minuti di pisolini. È durato per 2-3 giorni)
    • Torno a casa. Adoro il tè. Ma ho promesso di non bere il tè per un po ‘. Ho fatto di nuovo una tisana. Invece del normale tè nero, ho preso una tisana con varie erbe.
    • Era solo un’ora che potevo rimanere sveglio a casa. Ho cenato, un paio di bicchieri di tisana e sono letteralmente caduto sul divano. Dormito. Ho dormito come non avevo mai dormito prima. Ho dormito come 11 ore di seguito.
    • Il giorno seguente era lo stesso. Ma andando al lavoro, non avevo sonno come prima. Durante il giorno, ho avuto problemi simili. La sera era uguale. Ho dormito di nuovo ed è stato il fine settimana. La mia attività per tutto il fine settimana era di mangiare, bere un po ‘di tisana, provare a guardare un film e addormentarmi, quindi inizia la cerchia. Ho un giorno libero durante il fine settimana, quindi ho dormito quasi senza sosta tutta la notte, giorno e notte.
    • Poi, andando al lavoro, ero rilassato, non avevo sonno, mi godevo il sapore della tisana e mi dicevo “la vita è buona anche senza caffeina”
    • Potrei lavorare ora, sentendomi distratto ma non come i primi giorni.
    • Dopo una settimana, il mio sonno era normale. Mi sono reso conto che la caffeina mi stava facendo sentire teso. Il dolore al collo e il mal di schiena erano spariti. Dormire era tranquillo e senza interruzioni (prima mi svegliavo ogni ora). Pensavo, sarei così assonnato durante la mattinata se non bevo caffè. Non è vero. Se non bevi caffè, dormi bene e ti svegli rilassato.

    Dopo una settimana senza caffeina, sono tornato alla caffeina. Ma non come prima. Ho una o due tazze di caffè turco al mattino. 2 o 3 tazza di tè turco dopo i pasti (questo è un must nella nostra cultura) che è abbastanza normale.

    La caffeina in eccesso provoca danni alla salute. Ci sono molte malattie legate al consumo eccessivo di caffeina e di solito sono malattie complicate. Meglio ridurre se l’assunzione è troppo.

    Smettere di caffeina abbasserà la pressione sanguigna.

    L’estate prima, ero in un brutto incidente d’auto che mi ha causato tre ossa rotte nella gamba sinistra. Ciò ha richiesto un intervento chirurgico e una settimana di degenza in ospedale a Ft. Di valore.

    Prima di questo, ho preso l’abitudine di bere circa una mezza tazza di caffè forte ogni mattina e 1-2 bottiglie di soda al giorno al lavoro, che arriva a una discreta quantità di caffeina ogni giorno.

    L’intervento chirurgico per rompere le ossa nella mia gamba ha richiesto circa cinque ore in un bel martedì sera. Essere messo sotto per così tanto tempo ha davvero ucciso il mio appetito per quasi un mese dopo. Inoltre, mi sono stati somministrati forti antidolorifici per i primi giorni dopo il naufragio. Questi antidolorifici hanno avuto un effetto collaterale comune: costipazione. Essendo costantemente pieno, saltato su analgesici, e generalmente depresso, tutto quello che ho fatto per la maggior parte del mio soggiorno è stato dormire, sgranocchiare cibo e bere acqua. Ho completamente perso i prelievi di caffeina. Anche dopo che finalmente sono stato in grado di fare movimenti intestinali, non volevo consumare molto.

    Quindi, due settimane dopo, sono a casa con amici che mi stanno aiutando a prendermi cura di me perché non riesco a muovermi facilmente. Non ho avuto una goccia di caffeina per tutto questo tempo. È mattina. Ho bisogno di accedere al mio computer al lavoro per iniziare le attività del giorno. Non mi sono ancora completamente svegliato. Ehi, abbiamo il caffè. Avrà inizio la giornata! Quindi, chiedo una tazza di caffè. Pochi minuti dopo, ho un 20 once. tazza di vapore, bontà caffeina che bevo felicemente insieme a colazione.

    Un’ultima parte qui: ho preso farmaci per la pressione alta per un paio di anni fino a questo punto. Il medico è riuscito a ridurlo a poco più di 140/90, che è un traguardo importante per determinare se soffre di ipertensione. Dopo il relitto, la mia pressione sanguigna era stata abbastanza costante a 128/80, il che è positivo.

    Dopo quella tazza di joe bella, forte e alta, mi metto al lavoro. Ho un’assistenza sanitaria domiciliare da un’azienda locale creata per essere sicuro che le mie ferite chirurgiche siano in buone condizioni e che non ci siano ulteriori complicazioni né dall’intervento chirurgico né dalle fratture. Oltre ad essere in grado di chiamare un’infermiera per necessità urgenti, un’infermiera arriva ogni due giorni per controllare i miei organi vitali, assicurarsi che sia in buona salute e rifornire qualsiasi materiale di cui abbiamo bisogno. Intorno all’ora di pranzo questo giorno, un’infermiera si ferma per questa visita di routine.

    Doveva controllare la mia pressione sanguigna tre volte solo per essere sicuro. Era 165/95. L’unica cosa che ho fatto diversamente quel giorno è stata una grande tazza di caffè.

    Da quel momento in poi, ho cancellato la caffeina per la maggior parte delle cose. La mia pressione sanguigna è stata considerata controllata da allora.

    Non mi astengo completamente dalla caffeina, ma ne controllo l’assunzione. Opto per le bibite senza caffeina. Scelgo decaffeinato per caffè. Tuttavia, ogni tanto, mi concedo un po ‘di tè caldo o una lattina di Coca-Cola. Solo non nelle quantità che ero solito fare.