I frutti di mare sono sani? Che ne dici di sodio e colesterolo?

Il pesce è salutare, come lo è tutto il cibo fresco. Al contrario di roba da fast food troppo elaborata. Chiedi di sodio. Non penso che sia così alto sul sodio, la carne contiene anche sodio. In ogni caso, una dieta a basso contenuto di sodio è raccomandata solo in determinate condizioni mediche. Il resto di noi dovrebbe semplicemente evitare di esagerare, ad esempio aggiungendo sale ai frutti di mare.

Per quanto riguarda il colesterolo e il calamaro, i calamari, l’aragosta, i gamberetti ecc. (Penso che questo sia quello a cui ti riferisci anche tu). È vero che contengono il colesterolo. MA il colesterolo che il corpo umano produce costituisce l’80% del colesterolo totale. Solo il 20% proviene dalla nostra dieta. Anche se smettiamo di consumare il colesterolo, ad esempio mangiando solo carboidrati, il corpo stimolerà i percorsi metabolici e produrrà più colesterolo per compensare il deficit. In realtà abbiamo bisogno di livelli di colesterolo stabili per mantenere le membrane delle nostre cellule, specialmente nei neuroni.

La ragione per cui il colesterolo è un problema è che quando si esalta il cibo, qualsiasi tipo di cibo, non solo il colesterolo e il grasso , il corpo trasforma tutto in lipidi e una buona quantità di lipidi viene trasformata in colesterolo. Quindi un’eccedenza di cibo si trasforma in un surplus di grassi e colesterolo che poi ostruisce le nostre arterie. Ora i frutti di mare non ingrassano molto, quindi sei a posto purché non lo cucini in modo da trasformarlo in una bomba dietetica piena di calorie. Un calamaro grigliato, o pesce bovino con spinaci è ottimo, calamari fritti con patatine fritte è solo la più grande concentrazione di calorie che si possono ottenere. Anche quello è OK se lo fai una volta due volte in un anno.

Le alghe possono essere molto salutari e buone per una dieta equilibrata, poiché contengono vitamine e minerali (come lo iodio) che sono difficili da trovare nella terra-verdure.

I pesci e le altre creature marine hanno gli stessi problemi della carne: il nostro sistema immunitario vede le proteine ​​animali come un segno di un potenziale attacco parassitario e quindi innesca l’infiammazione dei vasi sanguigni e le riacutizzazioni di risposte autoimmuni come l’artrosi e le malattie infiammatorie dell’intestino. Meglio non mangiarlo più di una volta al mese.

Inoltre, le proteine ​​nel pesce sono ad alto contenuto di zolfo, causando ancora più acidosi e calcoli renali rispetto al consumo di carne e latticini. Sebbene la maggior parte dei pesci fornisca utili acidi grassi omega 3, questo beneficio è più che annullato dall’elevata quantità di tossine presenti nei pesci, come diossine e mercurio, provenienti da alimenti per pesci inquinati. Meglio prendere integratori di olio di alghe DHA / EPA che mangiare pesce.